Angeli e Demoni: Recensione di Paolo Bassani

Dopo aver scoperto la tomba di Maria Maddalena sotto la Piramide del Louvre, questa volta il professore Robert Langdon (Tom Hanks) sarà chiamato d'urgenza proprio dall'amato/odiato Vaticano per quelle che saranno le ore più frenetiche della sua vita. Proprio mentre il mondo intero sta aspettando l'elezione di un nuovo Papa dopo l'improvvisa morte del precedente, un cilindro contenente della pericolosissima antimateria viene rubato dal Cern di Ginevra e nascosto in un imprecisato luogo della città papale, pronto ad esplodere in poche ore. A rivendicare la minaccia è l'antica setta degli Illuminati, un gruppo dedito alla verità scientifica ripudiato e umiliato dalla Chiesa ai tempi di Galileo: saranno loro a rapire i quattro cardinali "preferiti" al ruolo di Pontefice preannunciando i loro assassinii. Langdon, aiutato dalla scienziata italiana Vittoria Vetra (l'israeliana Ayelet Zurer, vista in Munich e Prospettive di un delitto), sarà costretto ad una corsa contro il tempo per cercare di trovare il Cammino dell'Illuminazione, un percorso tra le strade e le chiese di Roma che porterà ai luoghi in cui i cardinali rapiti dovrebbero venire uccisi e al cilindro di antimateria prima che sia troppo tardi.

Ricomposto il team che riuscì a portare al successo Il Codice Da Vinci facendo però storcere il naso alla critica, con Ron Howard alla regia e il sempre pessimo Akiva Goldsman alla sceneggiatura (coadiuvato però stavolta dal già più promettente David Koepp), il personaggio reso celebre dai libri di Dan Brown torna nuovamente sul grande schermo con il volto sempre più smunto di Tom Hanks, ancora alle prese con indizi da scoprire nascosti tra le opere dei più famosi artisti della Storia. Se il libro da cui è tratto Angeli e demoni è di gran lunga migliore del suo fratello maggiore, proprio perchè composto sulla base di una frenetica storia di finzione e privo della volontà di "istruire" su alcunché, purtroppo la sua trasposizione su grande schermo risente ancora delle pecche già portate alla luce nel 2006: le pagine avvincenti che catturano il lettore con racconti su un passato misterioso e minuziose descrizioni dei particolari nascosti nei capolavori dell'antichità non possono venire tradotte in sceneggiatura se non con imbarazzanti "spiegoni", momenti lunghi e verbosi in cui i personaggi sono costretti a dire banalità tra di loro per il solo motivo di strizzare l'occhio al pubblico. Non bastano le minuscole scene d'azione, se così si può chiamare uno spot per una nota marca automobilistica che scandisce le varie tappe della ricerca con sgommate e inutile sfrecciate tra le strade romane, a rianimare dal torpore generale, alimentato anche dalla solita, anche se doverosa per la mole di materiale in ballo, durata di 140 minuti. Sul finale finalmente spunta della vera tensione, la vicenda si anima e il climax riesce toccando vette notevoli, anche grazie allo straordinario lavoro di scenografia digitale compiuto per poter realizzare il film, visto che il vero Vaticano non ha certo concesso alla troupe di poter blasfemicamente girare tra le sue mura. Due-battutine-due per ricordarci che Langdon non è soltanto un triste accademico borioso ma anche un uomo spigliato e spiritoso, e un cast notevole composto tra gli altri da Ewan McGregor nei panni del camerlengo Patrick McKenna, da Stellan Skarsgard in quello del capo delle guardie svizzere e dal nostro Pierfrancesco Favino (finalmente un attore italiano che si sa doppiare) in quelli del capo della Gendarmeria vaticana.

Il successo ai botteghini sarà scontato, ma non tanto per l'interesse della Storia in sè quanto perchè la riproduzione dell'antico rito del Conclave e dei fatti che lo circondano fanno volare la memoria all'ancora fresca emozione della (vera) morte del Papa di qualche anno fa.