Nemico Pubblico N.1 - L'Istinto di Morte (Parte 1): Recensione di Riccardo Balzano

E' la biografia, divisa in due parti, di Jacques Mesrin, noto criminale francese. Tornato dalla Guerra di Algeria, Jacques viene assunto come sicario dal boss Guido. Ricercato dalla polizia e da gang nemiche è costretto a rifugiarsi in Canada dove prosegue la malavita assieme alla compagna Jeanne Scheider. Viene arrestato e incarcerato ma riesce a fuggire. Continua a commettere gravi crimini ed è dichiarato "Nemico pubblico N. 1" in Canada.

 "Nemico pubblico N.1" va oltre al biopic ma non raggiunge il mafia-movie. La regia è elegante, la fotografia accorta, ma il ritmo dov'è?. Questo primo episodio funge da introduzione al personaggio e lascia gran parte dell'azione, si spera, al secondo tempo. L'unica sequenza davvero memorabile e tesa è quella dell'evasione dal penitenziario di Saint Vincent de Paul, davvero ben fatta. Per il resto questo primo capitolo, seppur tecnicamente poco televisivo, rimane tale nello sviluppo narrativo, troppo fiacco e poco astuto con una prima ora che riporta con piattezza le vicissitudini sentimentali di Mesrin, il suo tentativo, subito fallito, di crearsi una famiglia. Poi cominciano i crimini e le fughe, e già va meglio. C'è un po' di road movie, un po' di gangster movie, un po' di thriller ma qualsiasi classificazione sarebbe vana. La sceneggiatura (scritta da Abdel Raouf Dafri) cerca di attenersi ai fatti reali, quelli riportati nel libro autobiografico di Mesrin ( "L'istinto di morte" ) , e in un'altra occasione sarebbe stato giusto così, ma qui viene meno il coinvolgimento dello spettatore, l'aspetto intrigante e appassionante che da una storia simile ci si aspetterebbe. Tante location: Francia, Algeria, Canada, Texas, Spagna, realmente sfondi dei criminosi spostamenti di Mesrin. "Nemico pubblico N. 1" è comunque una pellicola di discreta fattura che sa trattare la violenza senza incitarne l'aspetto più volgare e disturbante, limpida e senza sbavature.

Non rimane che aspettare la seconda parte, la cui uscita è prevista per il 17 aprile, fiduciosi in una maggiore dose di azione. Impeccabile Vincent Cassel, bene anche Gerard Depardieu (Guido) e Cecile de France (Jeanne Schneider).