Piranha 3D: Recensione di Paolo Bassani

Mentre un arzillo pescatore (è Richard Dreyfuss, indimenticato protagonista de Lo squalo) sta pescando sul Lago Vittoria, un terremoto fa aprire una gigantesca crepa sotto di esso che apre la strada, dalle profondità marine, alla venuta in superficie dopo due milioni di anni di una famelica specie di piranha creduta definitivamente estinta. Mano a mano che il numero delle vittime comincerà a salire, lo sceriffo Julie Forester (Elisabeth Shue) e il suo collega Fallon (Ving Rhames) devono affrontare il problema, che arriva proprio nel periodo delle più affollate e scatenate feste in mare tra ragazzi. Intanto il figlio di Julie, Jake (Steven R. McQueenThe Vampire Diares in tv), all’oscuro del pericolo, si reca proprio sul Lago Vittoria per aiutare il regista di film porno (!) Derrick Jones (Jerry O’Connell) per le riprese del suo ultimo capolavoro.

E’ un tripudio di ormoni e di prosperità questo Piranha 3D, talmente folle e assurdo dal risultare veramente godibile solo quando travalica i limiti del buon gusto e della trivialità più becera. Sangue a fiumi aveva promesso Aja in fase di realizzazione, e non si può dire non abbia mantenuto la parola: la scena di massa verso il finale, con centinaia di comparse urlanti, è adrenalinica e realizzata meravigliosamente (con cameo di Eli Roth incluso). Totalmente fuori di testa e per questo perfetta nel film anche la scena subacquea con le due “sirenette” completamente nude che amoreggiano dolcemente rimanendo una pagina indelebile nelle menti dei fan di questi horrorporn degli anni 2000. Alcune scene invece decisamente troppo sexy e per nulla horror sono più gratuite ed inutili (come quella della tequila) ma faranno la felicità di gran parte del pubblico maschile. Che soffrirà però poco dopo per il rigurgito stomachevole di uno dei piranha.

Vecchie glorie della recitazione e nuove leve delle serie tv fanno a gara a chi recita peggio. Ma non è certo il caso di perdersi in tali quisquilie: Piranha 3D mantiene ciò che promette, e non offre né più né meno.